Come progettare un ambiente cucina funzionale e su misura.

La cucina è uno spazio che deve rispondere a diverse esigenze. Nella cultura italiana è una stanza fondamentale della casa che rispecchia molto le persone che la abitano. Il centro di molte attività, soprattutto se ci sono bambini e ragazzi nella famiglia, divenendo luogo di scambio, gioco, compiti e convivialità.

I nostri consigli per arredare l’ambiente cucina e soggiorno in maniera funzionale e in accordo con le esigenze del cliente partono dalla risposta a queste domande:

  • Come verrà utilizzato questo ambiente?
  • Cosa non può mancare?
  • Cosa posso aggiungere se rimane dello spazio da gestire?
  • Ogni elemento inserito ha una sua logica per essere stato scelto?

Come verrà utilizzato questo ambiente?

Solitamente la risposta a questa domanda tende a elencare situazioni tradizionali e scontate come per mangiare o cucinare. Ma dovremmo soffermarci maggiormente su quelle abitudini e attività prettamente personali. A volte acquisite nella nostra infanzia dalle consuetudini dei nostri genitori.
Un esempio può essere la necessità di avere un tavolo molto ampio. Tanto piano d’appoggio per trasformare un oggetto che nasce per pranzare in un luogo studio o di lavori handmade come il cucito o la pittura.


Oppure preferisco inserire una comoda poltrona per sedermi ad ascoltare musica e per rilassarmi con una tisana calda la sera dopo cena.
Posso anche immaginare di introdurre un piccolo scrittoio che diventa un pezzo unico e particolare collocato in un luogo inatteso. Magari ereditato da nostra nonna che amava tanto scrivere lunghe lettere a mano.

Altra caratteristica per ottimizzare una stanza open space è chiedersi quanto spazio dedico alla cucina e quanto al soggiorno o al salotto? Dipende dalle abitudini della famiglia.
Non esiste la ricetta perfetta. Esiste invece una capacità di confronto e dialogo tra le parti. Cliente e progettista devono far emergere le esigenze dell’ambiente e le abitudini di vita del nucleo familiare.



Cosa non può mancare?

Ogni persona ha esigenze diverse e non deve farsi trascinare dall’entusiasmo di inserire troppo. Le possibilità che offre il mercato sono ampie e spesso sono solo tendenza moda che ci affascinano per la loro caratteristica di essere nuove.
La cosa importante è definire il focus del progetto. Su cosa investire e su cosa rinunciare. Per alcune persone avere la lavastoviglie è fondamentale, per altre invece non è importante. Per alcuni il forno microonde è necessario per altre persone non rientra nelle abitudini di vita. Ecco quindi che selezionare le priorità aiuta il progettista a sviluppare la cucina più adatta in base alle funzioni d’uso. Chi ama mangiare tanta verdura e frutta fresca avrà bisogno di un frigorifero speciale con cassetti capienti e caratteristiche specifiche per conservare questi alimenti per lungo tempo.


Non solo la cucina deve essere presa in esame con accuratezza, ma anche l’intero ambiente. Visualizzare il tipo di spazio a disposizione vuol dire osservare dove sono collocate le aperture di porte e finestre, i passaggi con altri ambienti, la forma se allungata, quadrata, piccola o grande. Dopo questa prima analisi ci dedicheremo a valorizzare i pregi e le caratteristiche dell’ambiente a disposizione. In questa fase si devono considerare le richieste specifiche del cliente. Come collocare una credenza antica o un tavolo moderno perché lo ha sempre desiderato. Si parte quindi da una grande attenzione alla visione d’insieme per poi passare a valutare dettaglio per dettaglio.
Saper accostare forme, modelli, stili, materiali e colori sono il passaggio finale perché un progetto prenda forma e mostri le caratteristiche che lo differenzieranno da un altro.

Cosa posso aggiungere se rimane dello spazio da gestire?

Studiare bene cosa serve e cosa potrebbe dare valore aggiunto per essere inserito non vuol dire dover riempire per forza la stanza di oggetti. A volte può essere un semplice consiglio a fare la differenza: come suggerire un tono colore particolare, oppure un effetto murale o rivestire una parete a doghe di legno piallato. Quadri, scritte, piante tutto è arredamento e raccontano di noi senza appesantire con mobili. I dettagli creano l’atmosfera giusta, danno carattere e definiscono chi abita quella casa. Il tendaggio e il tessile in genere aiuta a donare morbidezza e una percezione visiva soft che migliora il nostro stare in un determinato ambiente. Ancor più se devo far convivere nella stessa stanza cucina e soggiorno, i rivestimenti di poltrone, divani e cuscini in fibra naturale come cotone o lino aiutano a rendere l’ambiente confortevole per noi e il nostro corpo.
In queste immagini vedi i nostri accostamenti per unire spazio cucina e soggiorno dove le forme, i colori, gli oggetti si mescolano e dialogano tra loro per rafforzare la visione d’insieme.



Ogni elemento inserito ha una sua logica per essere stato scelto

Quando progettiamo gli spazi dei nostri clienti ci poniamo sempre questa domanda: ma servirà un altro mobile? Ma è utile aver messo tutti questi arredi? Pensare sempre la soluzione migliore avendo ben presente le esigenze e chi sono i nostri clienti, permette di non sovraccaricare troppo un progetto. Il giusto equilibrio e dosaggio dei vari elementi crea un progetto bello e funzionale. Il nostro obiettivo non è mai vendere il massimo possibile di ciò che proponiamo, ma rendere le persone soddisfatte della nostra consulenza e dell’offerta proposta. Capire veramente di cosa hanno bisogno è la sfida che raccogliamo ogni volta. Forse in maniera impopolare, ma con grande sincerità, dobbiamo saper dire dei no e suggerire la soluzione ottimale. Un bravo consulente e progettista deve saper selezionare e proporre la cosa migliore per ogni cliente.



Articoli correlati

Eco-friendly furniture

Arredamento di un bar ecosostenibile: cosa serve e come realizzarlo

Scopri
tipologie di legno

Cosa vuol dire legno massello, multistrati, listellare e come vengono usati.

Scopri
Pouff imbottito Le Sorelle Martini

Abbinare i colori dell’arredamento e le forme: tutto quello che serve sapere

Scopri

Partecipa
#sorellemartini

Ci piace raccontare il nostro modo di essere, vivere, pensare e quello che ci fa stare bene. Mostrare con passione la nostra storia, per farti partecipe e condividere con te un percorso di ricerca.

©Copyright 2017 Le Sorelle Martini S.r.l.
Via del Carroccio 4 - 37051 Bovolone (VR) - Tel.: 045.2595805 - E-Mail: info@lesorellemartini.it

Numero R.E.A. VR-416537 - Capitale sociale 50.000,00€ i.v. - P.IVA 04394830238

Creative Director by Elisa Martini - Web Design by Kinetix - Web development, Copywriting e Digital Marketing by Bizen