Anta liscia o anta a telaio qual’è la soluzione più giusta.

Quando cerchiamo un arredamento la prima cosa che pensiamo è scegliere lo stile che vogliamo ricreare nei nostri ambienti. La tipologia dell’anta è in stretta relazione con lo stile prescelto e racconta una storia a seconda sia liscia o a telaio.

Le ante si dividono in due grandi categorie: anta liscia e anta a telaio.
L’anta liscia è un pannello senza cornici aggiuntive, modanature o decorazioni in rilievo. Alla vista e al tatto si presenta una superficie omogenea che ci porta alla mente un design moderno ed essenziale. Chi predilige questo tipo di anta ricerca un aspetto più concettuale che descrittivo di un ambiente, fatto di forme razionali, geometriche e pulite.
L’anta liscia può comunque essere valorizzata dalla maniglia o dal pomello che diventano un gioiello decorato o un elemento di design, capace di attirare l’attenzione e donare personalità.

Anta middle le sorelle martini
Anta Middle in faggio con inserto in metallo a semicerchio
Anta young le sorelle martini
Anta Young liscia con impiallacciatura di rovere a venatura orizzontale.
L’anta a telaio, invece, è costituita da più parti assemblate tra loro. Si fissano insieme il montante con il traverso a coppia di due formando una cornice che accoglie al suo interno la bugna o lo specchio.
La bugna è un pannello con la caratteristica di essere aggettante e prende diversi nomi a seconda della forma. Alcuni esempi sono la bugna a saponetta o a cuscinetto e la bugna a diamante.
Lo specchio invece è un pannello liscio che riempie il vuoto centrale creato dalla cornice. Sicuramente un’anta a telaio rievoca il mondo classico e la tradizione, evidenzia l’artigianalità e la maestria del falegname capace di assemblare al meglio i vari componenti. L’anta classica ha un fascino particolare che non passa mai di moda, sopravvive nel tempo perché porta con sé quei valori formali e progettuali fatti di proporzione ed estetica del bello.
anta Plus a tealio in rovere le sorelle martini
Anta Plus a telaio in rovere.
arredamento di qualità artigiana
Dettaglio della lavorazione artigianale dell’anta Top in rovere laccata bianca, modello Le Stanze di Ann
Per fare una scelta corretta del tipo di anta più giusta per un arredo è opportuno rispondere a delle semplici domande che ci aiuteranno a selezionare il prodotto.

Quale ambiente devo arredare: cucina, soggiorno, ingresso o camera da letto?
Quale atmosfera voglio ricreare nella mia casa?
Cosa è già presente nella stanza che voglio arredare o rinnovare?

Focalizzare l’attenzione sull’ambiente che andremo ad arredare aiuta a percepire meglio la funzione da svolgere, chi userà quella stanza o chi dovrà accogliere. Se dobbiamo arredare una cucina avremo delle attenzioni maggiori per quanto riguarda la scelta dell’anta perché molti moduli saranno chiusi con cesti, cassetti e ante battenti. In questo caso l’estetica dell’anta è un fattore determinante per la visione d’insieme. Se preferiamo una cucina tecnologica con molti cesti, aperture motorizzate e misure molto larghe, sappiamo che lo sviluppo dell’anta sarà prettamente orizzontale anziché verticale e l’accostamento dei vari moduli creerà un disegno orientato sulle caratteristiche moderniste. Un’anta liscia in questo caso è da privilegiare.
Anche la pulizia dell’anta è un aspetto da considerare. Se lavorata con cornici devo pensare che la polvere si potrebbe annidare con più frequenza e devo dedicare un po’ più di tempo alla pulizia. Un semplice consiglio è munirsi di un pennello morbido con setole a lingua di gatto e passarlo velocemente nelle modanature. La polvere verrà tolta facilmente e potremmo goderci la nostra anta a telaio senza problemi.

cucina artigianale in legno le stanze di ann
Cucina a blocchi anta liscia Young modello Le Stanze di Ann
Cucina in legno artigianale le stanze di Ann
Cucina con Anta Middle liscia con inserto in metallo, modello Le stanze di Ann.
Se invece si tratta di arredare una zona living, un ingresso o un salotto spesso si utilizzano meno ante perché ci sono meno esigenze di contenimento chiuso. I moduli aperti si prediligono per mostrare e accogliere oggetti e libri. In questo caso è più facile scegliere l’anta in base al gusto personale e all’atmosfera che si vuole ricreare. Molto dipende anche dal resto dell’arredo se già presente o da complementi che abbiamo ereditato e vogliamo inserire nell’insieme.
La camera da letto si limita invece alla scelta dell’anta per l’armadio e l’eventuale comò. Questa stanza è molto personale e solitamente non vista dagli ospiti, possiamo quindi basarci anche qui sul nostro gusto personale. C’è chi privilegia una stanza dal sapore romantico e classico con un comò in legno a cassettoni e chi opta per avere pochi essenziali arredi, lineari e moderni.
Anta in legno le stanze di ann
Anta Top laccata grigio antracite e filetto laccato colore alluminio.
Lo stile, oltre che suddividerlo nelle due macro aree di moderno e classico, ha poi altre sotto divisioni che si trovano nel mezzo e rappresentano varianti di tendenza estetica. Si collocano qui lo stile Industrial design, Shabby chic, Nordic Style e l’Eclettico.

La presenza della venatura del legno poi è un altro aspetto da non trascurare nella scelta della tipologia dell’anta. Un’anta liscia permette di sostenere una venatura di tipo fiammata, importante visivamente, presente in legni come il rovere, il frassino o il castagno. Mentre venature più strette e omogenee possono risultare vincenti in ante lavorate. Il ciliegio, il noce, il faggio hanno venatura molto compatta e meno visibile rispetto ai legni descritti precedentemente.

Con il modello Le Stanze di Ann proponiamo più tipologie di ante: Top e Plus a telaio con angoli raggiati per una semplice pulizia. Young e Middle lisce con o senza inserto metallico. Quattro ante che possono convivere insieme perché nascono per essere in coordinato e progettate sullo stesso modulo. Le nostre ante si contraddistinguono perché coniugano insieme un tocco romantico ed elegante senza esagerare con troppa decorazione e finitura. Questo permette di adattarsi in ogni contesto arredativo dal casale ristrutturato fino all’appartamento in città.
Alcuni esempi del loro utilizzo mostrano la tendenza di mescolare le ante e disaggregare le funzioni considerandole dei blocchi. La visione d’insieme e la coerenza sono mantenute grazie al colore unico senza uso di rovinii e patine aggiuntive che sovrastano la naturalezza del legno.

cucina le stanze di ann
Anta top modello Le Stanze di Ann laccata bianco latte
Le ante lisce caratterizzano invece lo stile Nordic Style del programma d’arredo ST25. Il legno scelto è betulla con una fibra compatta che non presenta venature importanti e si presta bene alla laccatura. Anche il legno di faggio ha la caratteristica venatura stretta che finito con lucidatura naturale oppure olio prende un caratteristico colore nocciola.
Queste ante si adattano bene ad arredi dal design vintage e moderno e giocano sul contrasto del colore pieno per una casa luminosa e gioiosa.
credenza laccata rosa le sorelle martini
Credenza ST25 con anta liscia in betulla laccata in tre nuance di rosa.

Articoli correlati

Cucina in legno pratica ed ecologica. Quando la tradizione sposa la tecnologia.

Scopri

Arredare bar su misura: materiali naturali per un arredo ecosostenibile.

Scopri

Come usare il colore rosso in cucina.

Scopri

Partecipa
#sorellemartini

Ci piace raccontare il nostro modo di essere, vivere, pensare e quello che ci fa stare bene. Mostrare con passione la nostra storia, per farti partecipe e condividere con te un percorso di ricerca.

©Copyright 2017 Le Sorelle Martini S.r.l.
Via del Carroccio 4 - 37051 Bovolone (VR) - Tel.: 045.2595805 - E-Mail: info@lesorellemartini.it

Numero R.E.A. VR-416537 - Capitale sociale 50.000,00€ i.v. - P.IVA 04394830238

Creative Director by Elisa Martini - Web Design by Kinetix - Web development, Copywriting e Digital Marketing by Bizen